Home » Avvistamenti » Ufo sul Vaticano, gli alieni in volo nel cielo di Roma

Ufo sul Vaticano, gli alieni in volo nel cielo di Roma

Avvistamenti quotidiani di ufo a pochi passi da San Pietro. Parla il regista che li riprende: “Gli esperti mi hanno detto che non sono satelliti”

Ufo in volo sul Vaticano, gli alieni a spasso per i cieli di Roma tutte le sere dalle 20 alle 22. Un regista li riprende quotidianamente, ha contattato esperti ed osservatori statali che confermano: “Non sono né aerei, né satelliti o stelle cadenti”. Non siamo soli. Le immagini e i video diffusi da Tony Zecchinelli, regista e fotografo romano, potrebbero far ricredere anche i più scettici. Il regista ogni giorno, tempo permettendo, piazza il cavalletto nel suo giardino a meno di un chilometro dalla Città del Vaticano e riprende il cielo: il risultato è di 2 o 3 avvistamenti a sera.

Zecchinelli, come è avvenuto il suo primo avvistamento di ufo?

“Ad agosto si dice che si possono vedere bene le stelle cadenti ed allora ho provato a riprenderne qualcuna. Io, facendo foto ad attori e video per i cantanti, dispongo di un’ottima attrezzatura ed ho piazzato un cavalletto con una macchina con un obiettivo da 700 mm ed ecco che ho viso un oggetto sfrecciare in cielo. Questi fenomeni, secondo gli esperti ufologi ed gli osservatori statali, non possono essere stelle perché loro sono ferme e questo ‘oggetto’. Non possono essere neanche aerei perché loro lampeggiano o di giallo, o di verde o di arancione. Questi oggetti non hanno luce propria ma sono illuminati dalla luce solare, luce che in orbita è ancora presente tra le 20 e le 22”.

Quando è stato il suo ultimo avvistamento?

“L’ultimo è stato ieri sera. Tutte le sere, quando il cielo è sereno, dalle 20 alle 23 io piazzo il cavalletto e registro il cielo, poi la mattina mi riguardo la registrazione. Ne prendo cira 2 o 3 a sera. Uno va destra, uno va a sinistra. Zoommati, hanno la forma come un sigaro. Vanno a 20.000 km orari. I satelliti sono più lenti e più tondi. Questi corpi restano nell’inquadratura per 5 secondi, poi sfrecciano via”.

Lei ha iniziato il tutto per vedere stelle cadenti. Non è che magari sono proprio loro e non ufo?

“Gli esperti mi hanno assicurato che non sono sicuramente delle stelle cadenti. Loro sono straveloci e lasciano scia. Questi fenomeni da me ripresi non lasciano nessuna scia, non hanno una ‘coda’ come si dice in gergo”.

E dei satelliti?

“Questo non è stato escluso. Ho contattato diversi centri in Italia, ben 13, e tutti hanno usato il condizionale: ‘potrebbero essere satelliti’. Nessuno mi ha detto con certezza che sono satelliti. Anche loro hanno il dubbio e li stanno studiando. Solo uno dei fenomeni da me ripresi è stato etichettato per un aereo, gli sono tutti in fase di studio”.

Cosa si potrebbe fare contro per studiare meglio questi fenomeni?

“Io credo che gli osservbatori abbiano un altro tipo di problema. Loro utilizzano telescopi talmente potenti che, con il loro zoom, non riescono ad inquadrare bene la porzione di cielo interessata. Con un 700 mm invece si prende proprio la porzione perfetta. Spero che lei immagini potranno essere d’aiuto agli scienziati”.

Comments

comments

About Redazione

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com